Shop online
Coaching, Risorse umane

Nutri la tua leadership. Investi in te stesso.

by Michela Trentincoach MTC

Tu puoi essere un vero leader. La strada è aperta di fronte a te. L’unico requisito è imparare ad ascoltare la tua guida interiore”. Deepak Chopra

Oggi per essere leader e agire da leader non è necessario solo conoscere le tecniche di comunicazione, di organizzazione e di gestione delle risorse. Oggi ciò che riveste più importanza è la consapevolezza di se stessi. Imparare a gestire noi stessi, ancor prima di andare verso gli altri: essere coerenti tra ciò che diciamo e facciamo, diventando credibili e trascinatori.

Quando si parla di investimento si pensa quasi immediatamente al denaro, a volte anche al tempo e all’energia che, però, vanno collegate al denaro… Investire nel mondo finanziario, nella tecnologia, nell’immagine, nella struttura fisica e organizzativa, nella gestione delle risorse.

Senza la pretesa di una ricerca, ho chiesto ai miei clienti imprenditori, qual è stato l’investimento migliore che hanno fatto o che potrebbero fare.

Ho ricevuto la più vasta gamma di risposte, tranne quella che mi sarebbe piaciuta sentire.

La maggior parte intendeva l’investimento nella struttura: ampliamento del capannone, degli uffici, assumere nuovi dipendenti, aprire una nuova filiale. Molto importanti sono risultati anche gli investimenti per la tecnologia: nuovi macchinari, nuovi software.

L’immagine sembra essere forse il vero desiderio di investimento.

Quasi sempre veniva nominato come secondo, anche se ne era stato richiesto uno solo: pubblicizzare la propria attività, abbellire la sede o i prodotti. Un po’ diffidenti negli investimenti di natura finanziaria.

Per ultimi, gli investimenti per le risorse umane: formazione, tecniche innovative per la loro efficace gestione, motivazione, aumento produttività. Forse in sintonia con il contesto nazionale, nessuno ha preso in considerazione la ricerca e l’innovazione come investimenti indispensabili.

Però il mio rammarico più profondo, pur riconoscendo l’importanza di tutti gli investimenti elencati sopra, deriva dal fatto che nessuno abbia trovato utile investire in… se stesso!

Il miglior investimento che si possa fare, è in se stessi.

Presi dagli aspetti quotidiani della gestione della loro attività, troppi cadono nell’errore più comune e anche fatale: dimenticano di investire nella propria persona. Per di più, l’investimento in se stesso non è soltanto l’investimento migliore, ma anche il punto di partenza.

Fare gli investimenti succitati, non investire prima in se stessi è come partecipare ad una maratona senza aver mai corso, senza essersi mai allenati.

C’è anche un ragionamento logico per cui è fondamentale questo tipo di investimento, ragionamento che i veri leader capiscono sin dall’inizio.

Tu sei la prima cosa in cui hai veramente bisogno di investire perché, se dovessi fallire nel tuo business potrebbe esserti sottratto tutto. Ma mai, ti sarebbero sottratte tutte le competenze, abilità, esperienze e conoscenze che hai accumulato. Tutto questo ti rimarrebbe, e sicuramente ci sarebbe sempre un mercato per utilizzarle.

Ognuno di noi dovrebbe avere un minimo di tempo settimanale dedicato all’investimento in se stessi. È auspicabile sfruttare ogni occasione per imparare qualcosa: non far passare un singolo giorno senza aver acquisito una piccola conoscenza, senza aver accolto un buon consiglio, senza aver letto una cosa interessante. Non considerare perdita di tempo nulla che ti abbia insegnato qualcosa di nuovo, anche se in quel momento può sembrare inutilizzabile.

Potrebbe sempre rivelarsi utile e, ancora più importante, ti allena ad essere aperto e disponibile all’apprendimento e all’innovazione. Non ti sottrarre mai dal confronto, ascoltare gli altri, apprezzare la condivisione delle esperienze e delle conoscenze perché spesso è una valida opportunità per arricchire te stesso e trovare soluzioni tanto cercate.

In tutti i settori, la tempistica è vitale.

Farsi trovare pronti, preparati e aggiornati al momento opportuno. Nella carriera, più si è preparati più si è capaci di prevedere quello che accadrà nei mercati o nella propria attività e, di conseguenza, essere pronti ad accogliere le opportunità che arriveranno e superare gli ostacoli.

Da coach, ho la convinzione che conoscere e conoscersi, studiare e studiarsi, preparare e prepararsi, accogliere e accogliersi è una strada garantita per il successo in ogni campo.

Dietro ogni azienda di successo, dietro ogni risoluzione di crisi, dietro ogni straordinaria negoziazione c’è un grande leader. Essere leader però non è una posizione, un ruolo, ma un processo che bisogna sviluppare continuamente.

Essere leader è una vera sfida perché bisogna avere una “multi-preparazione

È indispensabile possedere competenze tecniche richieste dalla propria attività: bisogna saper gestire le risorse materiali e umane, conoscere i mercati e la concorrenza, il quadro legislativo, avere ottime capacità di comunicazione e, non ultimo, un elevato livello di intelligenza sociale.

Non è una coincidenza che i miei clienti abbiano escluso dall’elenco degli investimenti sia loro stessi sia la ricerca e l’innovazione. Sono due concetti strettamente collegati perché la persona che investe in sé è, spesso e volentieri, una mente avida di conoscenza e aperta allo studio e alla novità.

Il coaching rappresenta una valida risposta per iniziare il processo di investimento in te stesso perché parte dalla profonda conoscenza di te, per allenare poi le tue potenzialità.

Di quanto possa essere utile il coaching in ogni aspetto della vita si potrebbe scrivere davvero a lungo. Per il caso specifico degli imprenditori invece, ritengo che il coach dovrebbe essere un compagno quasi permanente di viaggio.

Il coach ti può accompagnare nella scoperta dei tuoi talenti, sulla strada della trasformazione in un autentico leader; ti affiancherà nell’attuazione di un piano di azione per raggiungere i tuoi obiettivi e quelli della tua azienda ed è indispensabile per il monitoraggio dell’implementazione di queste azioni.

Quando il coach e il coachee camminano insieme, si aprono tutte le porte della conoscenza di sé, dell’innovazione, della messa in discussione, dell’altro punto di vista. Il coach potrebbe non solo ascoltarti come mai nessuno, ma potrebbe anche insegnarti ad ascoltare veramente, sviluppando la tua intelligenza sociale e migliorando i tuoi rapporti lavorativi. E non solo.

Mentre rifletti su quanto letto, intanto inizia a…non crearti degli alibi

Cart Overview